Home > Premio > Archivio > 1990-1999 > 1990

Anno: 1990

Annata del premio: XIX

Autore: Marina Jarre (Riga – Lettonia, 1925)
Scrittrice italiana, autrice di molti romanzi. Con Ritorno in Lettonia ha vinto nel 2005 il premio Grinzane Cavour. Nel 2011 ha pubblicato Neve in val d’Angrogna (Edizioni Claudiana).

Titolo: Ascanio e Margherita

Editore: Bollati Boringhieri, Torino

Motivazione: una storia di contadini montanari, raccontata con linguaggio moderno legato all’ambiente. Un romanzo a sfondo storico, nel quale l’Autrice rievoca i giorni del «combatto» dei Valdesi contro Luigi XIV di Francia e Vittorio Amedeo II di Savoia, la sconfitta, l’esilio in Svizzera e il loro «glorioso rimpatrio». Una storia d’amore nella terra degli avi, di fede di un popolo montanaro convinto di battersi per una causa giusta. Si superano nel romanzo i confini di spazio e di tempo riproponendo valori essenziali di identità e di libertà nella tolleranza reciproca.

Giuria:
Presidente: Mario Rigoni Stern
Membri: Joseph Zoderer, Gino Tomasi, Ulderico Bernardi, Giovanni Pieropan, Emanuele Cassarà (segretario), Alberto Papuzzi

Altre notizie del premio:
Da quest’anno viene istituito un premio speciale, su un tema specifico, che riprende la tradizione precedentemente propria del premio principale.

Opere inviate: 88

Segnalati:
Simone Desmaison, L’orco, Vivalda Editori
Brunamaria Dal Lago, Le fiabe del Trentino-Alto Adige, Milano, Mondadori
Anderl Heckmair, Storielle vere, Arcoboàn
Massimo Centini, Il sapiente del bosco, Xenia
Collana «Il vecchio tiglio» della Fondazione Enrico Monti di Milano

Premio speciale «Per un’opera storica che abbia come base le persone e l’ambiente della montagna»:
Guido Mangold – Robert Gratzer, Le Dolomiti. Immagini di un paesaggio e della sua gente, Bolzano, Athesia

Rassegna stampa

Notizie

Nel Mondo: Nelson Mandela viene liberato. Si avvia il processo di unificazione tra le due Germanie; si tengono le prime elezioni libere in tutta la nazione riunificata.

In Italia: l’Italia firma gli accordi di Schengen sulla libera circolazione delle persone. Nuovo cinema paradiso di Giuseppe Tornatore vince il premio Oscar come migliore film straniero.